mercoledì 20 marzo 2019

Grazie per il Carnevale


                                                                ph carlozanzi


Mercoledì 20 marzo 2019 il regiù Luca Broggini e la Famiglia Bosina hanno invitato presso la sede dei Costruttori edili di Varese gli amici della Famiglia e tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita del Carnevale Bosino 2019, per un ringraziamento e un brindisi. Presenti fra gli altri il sindaco di Varese, il comandante dei Vigili Urbani, i rappresentanti delle Auto Storiche, l’ex regiù Augusto Caravati, il Re Bosino in borghese e tanti altri amici della città, che con il loro impegno contribuiscono a tenere vive alcune tradizioni. Il regiù Broggini si è complimento e rallegrato per la buona riuscita del Carnevale, soprattutto per il corteo dei carri allegorici e dei gruppi del sabato grasso, un momento che coinvolge centinaia e centinaia di varesini e che ha anche i suoi rischi. “Per fortuna è andato tutto bene” ha detto il regiù, “solo un paio di bambini che si sono persi ma sono stati subito riaccompagnati dai genitori, e il solito problema delle bombolette. Nonostante il divieto non manca chi trasgredisce. Per il resto tutto bene, lo spettacolo dei carri è migliorato qualitativamente rispetto agli anni passati, la gente ha assistito alla sfilata lungo tutto il percorso e non solo in corso Matteotti e in piazza Monte Grappa.” E’ stata anche l’occasione per un simpatico amarcord del regiù, che proprio il 20 marzo di trent’anni fa si laureava in architettura. Erano presenti i suoi compagni di progetto Filippo De Bernardi e Stefano Lanzi, con loro Luca Broggini preparò la tesi, un interessante studio di riammodernamento del porto di Ancona, che ha trovato spazio anche in una pubblicazione.  

21 marzo 1959


21 marzo 1959   Valle Cascia - Montecassiano (Mc) - L'inizio

Booktrailer Nudo di uomo


Fra Varese e Milano

                                                                                            ph carlozanzi

In fondo fra il Sacro Monte di Varese e Milano non c'è una gran distanza.

clicca sulle foto per ingrandirle

lunedì 18 marzo 2019

Insieme il 6 aprile


Il libro verrà presentato sabato 6 aprile 2019, ore 16, Palazzo Comunale-Salone Estense    via Sacco,5 Varese

clicca sulla foto per ingrandirla

domenica 17 marzo 2019

OJM Varese-Cremona: 83-64

                                                                                              ph carlozanzi

La Pallacanestro Varese aveva due priorità questo pomeriggio: mantenere i piani alti della classifica e vendicarsi per lo schiaffo ricevuto dai cremonesi in Coppa Italia. Entro all'Enerxenia Arena quando siamo all'intervalo lungo e Varese è in testa: 42-35. Mi dicono che Archie e Scrubb sono stati i migliori. Bene, si ricomincia. Avramovic, non al top nella prima metà gara, inizia bene, con 7 punti tutti suoi, poi alcuni episodi non esemplari: Archie (fra i migliori) commette il quarto fallo, protesta ed ecco il fallo tecnico, 5 falli, Dominique deve lasciare il campo. Caja si arrabbia platealmente e altro tecnico anche a lui, quindi quattro tiri liberi a disposizione dei bassopadani, che ai avvicinano: 53-46. I segnali non sono incoraggianti, si teme il peggio. Ma la OJM resiste, tre liberi per Scrubb e una bella tripla di Ferrero, finiamo il penultimo quarto avanti di nove, 60-51. L'ultimo periodo ha due nomi su tutti: Avramovic e Salumu. Prima Avra spazzola la retina da sotto e da fuori, ma si carica anche di 4 falli quindi lascia il posto a Salumu, che è autore di una schiacciata davvero poderosa, poi una bella bomba di Ferrero e i cremonesi cominciano a tremare, perdono sicurezza. Certo, pesa la mancanza di Diener (infortunio) Ruzzier non è Trevis. 79-62 per noi quando mancano 3'30". Cremona non ci crede più, finisce in discesa per noi, 83-64. Molto bene.
Forza Varese!

sabato 16 marzo 2019

Souvenir di Varese



Oggi pomeriggio, sabato 16 marzo, alle 16, in Salone Estense, prima proiezione del film 'Souvenir di Varese', 64 ore di riprese condensate, ricapitolate in 50 minuti di un video artistico (non un documentario), un film che propone la testimonianza di quaranta varesini, intervistati rispetto alla loro città e al suo territorio. Si tratta dell'atto conclusivo di Nature urbane, Festival del paesaggio. Il sindaco Davide Galimberti ha fatto gli onori di casa, l'assessore alla cultura Roberto Cecchi ha spiegato il senso dell'opera, Chiara Gatti (storica dell'arte) ha moderato gli interventi di Stefania Radman (VareseNews), Diego Pisati (La Prealpina) e delle due autrici, la regista Rubidori Manshaft e la drammaturga Francesca Garolla. Si tratta di una forma di teatro partecipativo, realizzato da Officina Orsi di Lugano. Importante anche il contributo di Anna Agostini (per il Comune di Varese), dell'attore Andrea Chiodi, nonché di Anna Bernardini. Chi ha perso la prima può comodamente rimediare. Altre due proiezioni oggi, sabato 16 marzo (ore 18.30 e 20.30) e altre tre proiezioni domani, domenica 17 marzo (16 - 18.30 - 20.30). Ingresso libero in Salone Estense.