martedì 9 agosto 2022

E' inutile affannarsi


 

E' inutile affannarsi. Ce ne andremo comunque con un romanzo incompiuto. Se avremo in dono un paradiso per continuare, tanto meglio. Se no ci accontenteremo del poco fatto e del tanto desiderato.

Nott da San Lurenz


 

Nott da San Lurenz

di Carlo Zanzi 



Ul des d’agost al nega

fra i ragner di niul e i fuiètt moss

da n’aria ca dis pòcch

e taca ‘l cald adòss, e sa sufèga.

 

Sùra la scima dul bersò dul vial

sfulàrma ‘n pipistrèll, ricàma ‘l grìis;

par c’ha bevüü da tropp, e varan pòcch

i so ari da padrùn dul scüür.

 

Nott da Lurenz senza balduchìn,

nott trasàva; sa spècia ‘n ann e pö?

Un pipistrèll, ul verd di rös c’al trema,

düü öcc ca frùgan in alt, luntan, luntan.

 

Ul ciel, par san Lurenz, al piang da lüüs

ma sùra, pasàa la nebia, in l’aria fina.

Piövan i stell, sa smòrzan dent i niul.

Pasàss un quai fregüj, sòta, par mi.,

 

Gh’avrìa da tacàgh là tant desideri.

Sa pìzan cunt i stell. Ma ‘l pipistrèll,

scurbàtt di mort, ul menagràm,

sùra ‘l plàtan al canta la so lagna.

 

Dal mött di Barù da Sant’Ambröös,

lümaga straca, strüscia giò la nott;

smorza ‘l ciar di me öcc, trà via la vöja,

ul fa dra vita l’è maar ‘me scurzunèra.

 

***   

 

In la nott ‘na vùus, do vùus e ‘n rid da güst;

culur nel gris, un fiö cal cur e ‘l vùsa.

So pà da dre: “Ta ciapi!” e ‘n boff da vent.

Sura ‘l bersò dul vial brìlan i stell.

 

10 agosto 1996

 


 

 

 

 

                                              

 

 

Notte di San Lorenzo

 

Il dieci d’agosto annega

fra le ragnatele delle nuvole e le fogliette mosse

da un’aria che dice poco

e attacca il caldo addosso, e si soffoca.

 

Sopra la cima del bersò del viale

s’agita un pipistrello, ricama il grigio;

pare che abbia bevuto troppo, e valgono poco

le sue arie di padrone del buio.

 

Notte di Lorenzo senza baldacchino,

notte sprecata, si aspetta un anno, e poi?

Un pipistrello, il verde delle rose che trema,

due occhi che frugano in alto, lontano, lontano.

 

Il cielo, per San Lorenzo, piange di luce

ma sopra, oltre la nebbia, nell’aria pura.

Piovono le stelle, si spengono dentro le nuvole.

Passasse qualche briciola, sotto, per me.

 

Avrei da attaccargli tanti desideri.

Si accendono con le stelle. Ma il pipistrello,

corvo dei morti, il menagramo,

sopra il platano canta la sua lagna.

 

Dal colle dei Barù di Sant’Ambrogio,

lumaca stanca, scivola giù la notte;

spegne la luce dai miei occhi, tira via la voglia,

il sapore della vita è amaro come scorzonera.

                                                           ***

Nella notte una voce, due voci e un ridere di gusto,

colore nel grigio, un ragazzo che corre e grida.

Suo padre di dietro: “Ti prendo!” e un soffio di vento.

Sopra il bersò del viale brillano le stelle.

 

Zanzare


 

Quest'anno proprio non le sopporto. Eppure il mio cognome dovrebbe facilitare una pacifica convivenza. Rompono i gabbasisi e non c'è modo di difendersi. 

Luna arancio


La luna di stasera sorge con sfumature arancio.
 

lunedì 8 agosto 2022

Una Messa per Maurizio


Mercoledì 10 agosto, alle ore 8, nella chiesa parrocchiale di Biumo Inferiore, durante la Messa verrà ricordato il mio amico Maurizio. 
 

Lac des Dix


Il mio amico Enrico Piazza mi invia questa bella foto: si trova al Lac des Dix, nel Vallese.